Questo popolo vive da allegria all’altra!”.

in Siria by

Finalmente, dopo un’altra settimana senza la luce…oggi è arrivata la luce! Solo per pochi momenti, comunque questo ha creato una festa in tutta la città. La centrale elettrica è ancora occupata, di conseguenza il problema non si è ancora risolto. Sembrava che erano arrivati ad un accordo per permettere la distribuzione della corrente; però nella realtà abbiamo trascorso intere settimane senza luce, interrotte da pochi giorni di “prodigalità”, nei quali abbiamo fatto festa per avere 2 o 3 ore di luce al giorno. Come l’ovazione dei tifosi per un bel gol da metà campo, così si sente in tutta la città il grido contagioso di allegria quando torna la luce.

alegria

Qualcuno con intelligenza viva scrisse queste linee che abbiamo tradotto dall’arabo:

“La gente di Aleppo è la più allegra del mondo:

Se arriva la luce…si allegra!

Se arriva l’acqua…si allegra!

Se arriva l’internet…si allegra!

Se arriva il segnale per il cellulare…si allegra!

Se attraversa la strada senza che la colpisca una pallottola vagante…si allegra!

Se dopo 5 ore di fila davanti al fornaio, è riuscita a comprare un pó di pane e torna sana e salva a casa…si allegra!

Se il figlio è stato all’università e nessun missile è esploso vicino a lui…si allegra!

Se è riuscita a dormire durante la notte a pesare delle esplosioni dei cannoni…si allegra!

Se ha trascorso la notte e si è svegliata la mattina del nuovo giorno…si allegra!

Questo popolo vive da allegria all’altra!”.

Più in là dell’ironia, è completamente certo che questa gente ha imparato ad essere allegra. Ha imparato a ringraziare a Dio per ciò che ha, ed in più, a dar valore a tutte queste cose del quotidiano che a noi ci sembrano insignificanti come dei regali della Divina Provvidenza.

Missionari dell’IVE in Siria

Rispondi