Più di 500 partecipanti nei campeggi estivi dell’IVE in Ucraina

in Ucraina by

Dal 24 Giugno al 28 Agosto più di 500 persone hanno partecipato ai diversi campeggi estivi organizzati dalla famiglia religiosa del Verbo Incarnato in Ucraina. I campeggi si organizzarono per tutte le età: bambini (9-12 anni), adolescenti, giovani, donne e portati dalla uomini. In totale furono otto campeggi (a Lyucha, Yablunytsya, Kosmach, Ocheretnya, Drahobrat), dato che per bambini e adolescenti si sono realizzati vari campeggi. I partecipanti generalmente provengono dalle parrocchie a carico dell’IVE o dove hanno missioni le suore, alcuni familiari dei religiosi, terziari e altri Divina Provvidenza…

campeggiucraina

Bisogna notare che l’organizzazione di questi eventi, nonostante si realizzino da più o meno 12 anni, non smette di essere complessa. Da Luglio si monta un campo di circa 40 tende sul monte Drahobrat, il quale rimane in funzione per i diversi gruppi incluso fino ai primi giorni di Agosto. Con il passare degli anni e con l’aiuto generoso dei benefattori sono migliorate le attrezzature e il materiale necessario per soddisfare le necessità del campeggio..
Inoltre, una delle cose che più contribuiscono al successo degli stessi é la scelta del programma o tematica dei campeggi. Tutto questo ovviamente non sarebbe possibile senza l’inestimabile sforzo del gruppo di sacerdoti, religiose, seminaristi e volontari che portano avanti le attività. Molti di questi volontari per i campeggi di adolescenti e bambini sono giovani che nel passato crebbero e si formarono in questi apostolati estivi.
Quest’estate il programma dei campeggi riguardò l’Anno della Fede con la frase “La fede: chiave del cielo”. Cioé, la tematica delle prediche, discussioni e anche alcuni concorsi, toccava qualche aspetto della nostra fede cristiana. Si aggiunse anche un tema molto attuale per la Chiesa in Ucraina: la commemorazione del 1025° anniversario del Battesimo di San Volodymyr, re dell’Ucraina, e insieme a lui il battesimo di tutta la nazione. A questo motivo il campeggio si divise in quattro squadre: “portatori di Dio”, “apostoli”, “confessori della fede”, “difensori della fede”; ogni squadra doveva realizzare diverse attività e giochi che si qualificavano secondo un punteggio su una mappa dell’Ucraina, nel quale si dovevano percorrere diverse strade per arrivare con la maggior velocità a Kiev, la capitale, luogo del battesimo del popolo ucraino sulle rive del fiume Dneper, e in questo modo vincere la gara.
E’ degna di essere menzionata la pietosa iniziativa del campeggio per uomini, che quest’anno contò 58 partecipanti: prepararono una croce di ferro di 4 m., la quale fu portata alla cima mentre si recitava la Via Crucis, preghiera che fu offerta per le loro famiglie, per la Chiesa e per le vocazioni sacerdotali e religiose. Infine la croce fu piantata, dopo una solenne benedizione, sulla cima del monte Zhandarm. Con un programma più adattato, durante questo campeggio i partecipanti realizzano camminate per le montagne, giocano a pallone, cucinano con il fuoco, partecipano ogni giorno alla Santa Messa, concludendo ogni giorno con gli immancabili falò musicali.
Rendiamo grazie al Signore per i frutti di questo apostolato dell’estate, e chiediamo un’abbondante benedizione per tutti i padri, sorelle, seminaristi e volontari, coloro che con grande generosità e sacrificio donarono giorni indimenticabili di fede e allegria a tante anime.
Missionari dell’ IVE IN UCRAINA

Rispondi